• Advice
  • by dante ruscello
  • 11 Agosto 2020

    Quando fa caldo chi soffre già di alcune patologie come le cardiopatie, dovrebbe prestare maggiore attenzione.

    Gli effetti sul cuore – se non vengono prese le giuste contromisure – possono essere pericolosi. Questo perché il caldo determina in primis una alterazione del sistema circolatorio che si traduce in una perdita di liquidi e in una vasodilatazione eccessiva: chi soffre di cuore infatti va incontro a fiacca e gambe gonfie, in quanto la dilatazione dei vasi eccessiva porta ad un abbassamento della pressione e questo a sua volta può generare un battito cardiaco irregolare. Il gran caldo, dunque, può destabilizzare i pazienti cardiopatici.

    I momenti della giornata più rischiosi per i cardiopatici in estate sono quelli della notte perché in posizione sdraiata il lavoro del cuore aumenta e anche i disturbi connessi al caldo tendono ad accentuarsi. Quindi il consiglio è quello di cominciare la notte con le gambe basse magari in poltrona, poi al momento di andare a letto, di sdraiarsi con più di un cuscino sotto la testa. Per dormire meglio, si dovrebbe inoltre rinfrescare la stanza fin dal mattino, lasciando le finestre chiuse durante la giornata o accendere l’aria condizionata qualche ora prima di andare a letto.

    Per quanti prendono i farmaci con regolarità per curare il cuore in estate è bene inoltre prestare attenzione alle terapie: durante la stagione calda potrebbe rendersi necessario cambiare i dosaggi sempre naturalmente sotto stretto controllo dello specialista. E’ fondamentale anche conservare i medicinali correttamente, rispettando le temperature indicate sulle confezioni.

    I pazienti affetti da ipertensione o scompenso cardiaco – oltre a consultare il medico per aggiustare la terapia laddove necessario – dovrebbero inoltre evitare gli sbalzi da temperature troppo calde a troppo fredde. Una delle cose da evitare anche per chi ha particolari problemi di salute è esporsi a lungo al sole e poi tuffarsi in acque fredde: il rischio è di avere una congestione. In generale bisognerebbe restare in ambienti freschi ventilati, bere molto acqua e mangiare molta frutta e indossare abiti che favoriscono la traspirazione.